Clicca l'immagine per ingrandire
TB.672257

10.07 €

Antonio Vivaldi (1678-1841)
Concerti per molti istromenti

Vivaldi dimostrò fin dal primo decennio del Settecento una grande sensibilità per i diversi timbri strumentali e le loro multiformi combinazioni. Più d’ogni altro suo contemporaneo italiano, egli ci lasciò un gran numero di lavori per strumenti a fiato e ad arco impiegati nelle loro più svariate e fantasiose combinazioni (si pensi, fra i tanti, al concerto RV 97 per viola d’amore, due oboi, due corni, fagotto e basso). Di una vena così florida e multiforme va tuttavia individuata la sorgente - oltreché nelle inclinazioni personali - nella fortuna di lavorare per un’istituzione come la Pietà, che gli consentiva di disporre di un organico strumentale fra i più ricchi. L’altissimo livello tecnico delle figlie dell’ospedale gli dava inoltre occasione di cimentarsi in lavori tra i più raffinati ed arditi, come la sonata per flauto, fagotto e basso RV 86, o come la gran parte dei concerti a tre, a quattro, a cinque. Risale al 1707 la più antica testimonianza a noi nota dell’interesse vivaldiano verso la politimbricità, con la composizione della Sonata RV 779 per violino, oboe, organo e salmo é (una sorta di proto-clarinetto). Questo interesse sarà una costante di tutta la sua produzione, tantoché gli ultimi lavori databili a noi noti sono proprio quei Concerti per molti Istromenti che le putte della Pietà eseguirono il 21 Marzo 1740 di fronte al Principe elettorale di Sassonia Federico Cristiano.

richiedi maggiori informazioni


Cod.: TB.672257
Compositore: Antonio Vivaldi (1678-1841)
Esecutori: Modo Antiquo · Federico Maria Sardelli, direttore
Edizione: Settembre 2013
Testo Musicologico: Federico Maria Sardelli
Nota: Tactus Serie Bianca · Registrazione storica
Strumenti originali · 39nd Grammy Nominee