Clicca l'immagine per ingrandire
TB.670390

15.01 €

Antonio Caldara (1670-1736)
Suonate da camera op. 2 · Sonate a violoncello solo

Antonio Caldara nacque a Venezia intorno al 1670. Il padre Giuseppe, violinista e tiorbista nella Cappella Ducale della Basilica di S.Marco, fu probabilmente la sua prima guida musicale. Anche se purtroppo non si hanno testimonianze certe, è probabile che Giovanni Legrenzi (1626-1690), maestro di cappella a S. Marco fino al 1690, abbia dato preziosi insegnamenti di composizione al giovane Antonio, che già nel 1689, ad appena diciannove anni, portava sulle scene la sua prima opera, L’Argene. Altrettanto precocemente, egli trovò impiego anche come strumentista, proprio nella medesima Cappella di S. Marco dove lavoravano il padre e Giovanni Legrenzi: sui conti delle spese dei musicisti, conservati nell’Archivio di Stato di Venezia, il suo nome appare più volte tra il 1688 ed il 1695 come suonatore di «viola da spalla» e di «violoncino». A differenza d’altri compositori, oggi celeberrimi ma poco riconosciuti dai loro contemporanei, per Antonio Caldara vale il discorso contrario: soprattutto negli ultimi venti anni della sua vita, conclusasi a Vienna nel 1736, godette meritatamente di un’immensa fama, mentre l’evolversi della storia della musica ha visto la sua immagine sbiadirsi inspiegabilmente. Accanto ad una sterminata produzione di musica vocale, le uniche opere strumentali significative del compositore veneziano sono le due raccolte di sonate a tre «a due violini col basso» op. I e II, scritte e pubblicate in gioventù, e queste «sonate a violoncello solo col basso», composte nel 1735, un anno prima della morte.

richiedi maggiori informazioni


Cod.: TB.670390
Compositore: Antonio Caldara (1670-1736)
Esecutori: Ensemble L'Aura Soave
Edizione: Aprile 2014
Testo Musicologico: Diego Cantalupi, Marco Frezzato
Nota: 2cd
Tactus Serie Bianca · Strumenti originali
Sostituisce i precedenti codici TC.670301 e TC.670302