Clicca l'immagine per ingrandire
TC.711606

17.69 €

Giovanni Battista Pergolesi (1710-1736)
La Serva Padrona · Salve Regina

Ottima la scelta di Flavio Emilio Scogna di inserire sia La serva padrona, sia il Salve Regina. Che
meraviglia se scrive sempre la stessa musica, sia che componga un intermezzo, un’opera seria, o una pagina destinata ad accompagnare una funzione religiosa? Piacque proprio per questo. Portò il teatro in chiesa, e la serietà religiosa nel teatro, perfino in un intermezzo: A Serpina penserete è un bellissimo lamento, potrebbe cantarlo anche la Madonna (a proposito di lamenti cantati dalla Madonna, Monteverdi trasformò il lamento di Arianna appunto in un lamento della Madonna). Pergolesi è anche il primo musicista che non uscì mai di repertorio, né a teatro né in chiesa. Prima di lui si suonava e si cantava solo la musica contemporanea. Lo Stabat Mater e La serva padrona non smisero mai di essere eseguiti, ammirati ed applauditi. Anzi, piacquero a tal punto che si fecero circolare molte musiche che non erano sue sotto il suo nome, perché bastava il nome per farle apprezzare.musiche che non erano sue sotto il suo nome, perché bastava il nome per farle apprezzare. In Francia la Serva Padrona scatenò una famosa quérelle: A difenderla dai tradizionalisti, patiti di Rameau, scese in campo perfino Rousseau e con lui scesero in campo tutti i philosophes, Diderot in testa. Dichiararono che quella era la musica moderna. E avevano ragione. Il teatro diventa, infatti, non più scena di maschere, di tipi, o di eroi ingessati, modelli di ‘affetti’, sentimenti, si direbbe oggi, universali. Divennero uomini e donne in carne ed ossa, con i sentimenti e i propositi degli uomini e delle donne che andavano a teatro per applaudirli. Qui sta la sua modernità. Che ancora oggi sorprende.

richiedi maggiori informazioni


Cod.: TC.711606
Compositore: Giovanni Battista Pergolesi (1710-1736)
Esecutori: Federico Benetti, basso
Angela Nisi, soprano
I Solisti Liriensi · Flavio Emiliio Scogna, direttore
Edizione: Ottobre 2014
Testo Musicologico: Dino Villatico
Testi: Giovanni Battista Pergolesi (1710-1736)