Clicca l'immagine per ingrandire
TC.741203

17.69 €

Andrea Luchesi (1741-1801)
La Passione di Gesù Christo

Theodor Anton Henseler, nel suo studio del 1937 Andrea Luchesi, l’ultimo Kapellmeister di Bonn al tempo del giovane Beethoven, segnala che presso l’Archivio di Stato di Düsseldorf, dove sono confluiti diversi documenti provenienti da Bonn, esiste una locandina che annuncia un’esecuzione nel palazzo del principe elettore di Colonia: al Giovedì Santo dopo le 6 presso il Santo Sepolcro alla Corte sarà cantato l’oratorio La Passione di Gesù Cristo. Grazie agli studi di Henseler e Claudia Valder-Knechtges (1983), possiamo oggi attribuire questo Oratorio al Kapellmeister del Principato di Colonia e Bonn: Andrea Luchesi. T.A. Henseler non si dilunga sul testo né segnala l’origine metastasiana e, in base ai ruoli assegnati da Luchesi, ritiene che “La Passione di Gesù Christo. Oratorio” sia nata ancora a Venezia ante 1771 per uno degli Ospedali femminili. Anche Roberto Zanetti (1977) segnala la composizione da parte di Luchesi di una Passione di Giesù Cristo in data ignota, ma i pochi documenti residui ci portano ad escludere la nascita a Venezia e ad accettare la data del 1776 proposta da Claudia Valder-Knechtges nel suo studio sulla musica sacra di Andrea Luchesi (Die Kirchenmusik A. Luchesis 1983). Dopo che nell’aprile 1777 aveva superato il triennale periodo di prova durante il quale il nuovo Kapellmeister poteva essere licenziato senza addurre alcun motivo specifico, Luchesi venne nominato Kapellmeister “a vita”. Dal maggio 1774, quando ha accettato di fermarsi a Bonn con la garanzia della nomina a vita, si è naturalizzato suddito del principe di Colonia come condizione necessaria per la nomina, ha sposato Anthonetta Josepha d’Anthoin figlia del consigliere segreto più influente del principe (febbraio 1775), ha potenziato la cappella - divenuta una delle migliori di Germania - ed adeguato il repertorio sacro all’importanza del principato elettorale di Colonia/Bonn. Agli inizi del 1776 la cappella dispone di un lavoro originale sacro ( spesso composto in esclusiva dal Kapellmeister) per ogni evento dell’anno liturgico. Luchesi intende dare pubblica dimostrazione dei risultati conseguiti in cappella. Nasce così, in esclusiva per la cappella del principe di Colonia, la Passione di Gesù Cristo, musica sacra non liturgica per la quale Luchesi rielabora e musica un impegnativo libretto del poeta cesareo Metastasio, in precedenza rivestito di note da altri famosi compositori.

richiedi maggiori informazioni


Cod.: TC.741203
Compositore: Andrea Luchesi (1741-1801)
Esecutori: Coro dell’Accademia Musicale San Giorgio - dir. Sandro Filippi · Orchestra Barocca di Cremona dir. G.Battista Columbro
Edizione: 2007