Clicca l'immagine per ingrandire
TC.751804

17.69 €

Alessandro Rolla (1757-1841)
Concerti per viola e orchestra BI.541, BI.543, BI.547

Alessandro Antonio Francesco Maria Rolla nasce a Pavia il 23 aprile 1757 in un ambiente familiare che favorisce in lui il sorgere di precoci interessi musicali, i quali lo portano ben presto a trasferirsi nella città di Milano per studiare violino e viola. È proprio a Milano che nel 1772, all'età di soli quindici anni, Rolla debutta nella Basilica di Sant'Ambrogio, eseguendo un suo concerto per viola e orchestra che gli ottiene un immediato successo, poiché la sua abilità strumentale è già elevatissima. Dopo questo brillante esordio la sua bravura lo porta a ricoprire ruoli particolarmente significativi, quali quello di Prima Viola della Reale Orchestra di Parma a partire dal maggio del 1782, cui si aggiunge l'anno successivo la nomina a Primo Violino dell'Accademia Filarmonica Parmigiana. In questi anni poi, oltre a operare attivamente nella vita musicale di Parma, sua città di residenza, Rolla si esibisce in molte altre città specialmente emiliane o lombarde, benché i suoi spostamenti non lo conducano mai fuori dall'Italia. È ascrivibile a questo periodo un gran numero di concerti per violino che egli compone ed esegue in qualità di solista ai concerti di corte e che presentano un virtuosismo tecnico molto ardito, in gran parte ancora inesplorato dai suoi contemporanei; tutto ciò gli permette di estendere anche oltralpe la sua fama di compositore e virtuoso. Nel corso degli anni novanta inoltre, molte delle sue opere vengono pubblicate anche all'estero e la notorietà della sua scuola di violino e viola si diffonde al punto di attirargli giovani e promettenti allievi da tutta Italia. Il 1802 si figura un vero e proprio anno di spartiacque per la carriera musicale di Rolla; dal dicembre di quell'anno infatti, egli accetta l'incarico di Primo Violino e Capo d'Orchestra presso il Teatro alla Scala di Milano, ruolo che ricoprirà fino al 1833. Durante questo lungo periodo, il musicista pavese si afferma come vero e proprio restauratore dell'orchestra scaligera, la quale, sotto la sua guida, diverrà una delle compagini strumentali più quotate e famose nel panorama italiano del periodo. Contemporaneamente, Rolla si dedica all'attività didattica, soprattutto a partire dal 1808, anno di apertura del Nuovo Conservatorio di Milano, all'interno del quale il musicista ottiene da subito la cattedra di violino e di viola; la sua scuola diviene ben presto una delle più rinomate d'Europa, potendo vantare nomi di altissimo rilievo.

richiedi maggiori informazioni


Cod.: TC.751804
Compositore: Alessandro Rolla (1757-1841)
Esecutori: Fabrizio Merlini, viola · Orchestra del Conservatorio di La Spezia · Giuseppe Bruno, direttore
Edizione: Ottobre 2006