Clicca l'immagine per ingrandire
TC.751805

17.69 €

Alessandro Rollla (1757-1841)
Sei quartetti per flauto e archi

Tra la fine del xviii secolo e il primo trentennio del xix in Italia l’interesse per la forma del quartetto con flauto è piuttosto vivace. La coltivano musicisti dediti al teatro tra cui Paisiello (Sei divertimenti) e Mercadante (diversi quartetti in parte pubblicati in parte manoscritti), ma anche compositori attivi prevalentemente nell’ambito strumentale quali Cambini (diciotto quartetti op. 9, 3 e 24) e Viotti (Quartetti op. 22 editi tra il 1801 e il 1806). Tra questi non secondaria è la presenza di Alessandro Rolla (Pavia 1757- Milano 1841) che consegna ai posteri poco meno di una decina di numeri per questa formazione all’interno di un catalogo che annovera quasi seicento unità. Musicista molto apprezzato in ambito milanese quale direttore dell’orchestra nel Teatro alla Scala di Milano (1802-1833) e come docente di viola (non si dimentichi la celebre frase di Vincenzo Monti: «incantano l’anima le dolcissime corde del nostro Rolla») nel conservatorio di quella città (dal 1808, anno della fondazione), Rolla rappresenta la tipologia del musicista forse più ricorrente alla sua epoca: ospite, da un lato, dei salotti aristocratici e quindi dedito ad una produzione per amateurs; solista, dall’altro, acclamato nei grandi teatri o ancora didatta, propenso ad arricchire il repertorio per il proprio strumento o a fornire a colleghi o ad allievi materia prima su cui cimentarsi.

richiedi maggiori informazioni


Cod.: TC.751805
Compositore: Alessandro Rollla (1757-1841)
Esecutori: Mario Carbotta: flauto · Quartetto Erasmus: Giambattista Pianezzola, violino; Maurizio Schiavo, viola; Claudio Frigerio, violoncello;
Edizione: Febbraio 2006