Clicca l'immagine per ingrandire
TC.790402

17.69 €

Donizetti Gaetano (1797-1848)
Quartetti per archi

Unico tra i compositori d’opera dell’epoca dedicatosi in maniera così massiccia e continuativa alla musica da camera, Donizetti scrisse ben 20 quartetti (di cui tre incompiuti) dietro indicazione iniziale del suo primo maestro Giovanni Simone Mayr. Questi, da buon bavarese, dava alla composizione nel genere sovrano della tradizione classica un peso enorme nella sua impostazione didattica. Grazie all’incontro col quartetto Donizetti si dotò di una perizia nel trattare gli strumenti ad arco e di una velocità di scrittura ed elaborazione delle idee che già i contemporanei gli riconobbero; e se è vero che la gran parte dei quartetti risale al periodo della gioventù e della formazione è altamente significativo che il bergamasco tornò a più riprese al genere anche quando la sua carriera di operista si era già ampiamente affermata. Del resto, il fatto che Donizetti utilizzasse il quartetto anche come un “esercizio” di composizione è testimoniato dalle ampie sezioni in contrappunto rigoroso che emergono spesso specie nei movimenti estremi; in alcuni casi, come ad esempio nell’ultimo movimento del sesto quartetto, si trattava di trasposizioni letterali di brani scritti a scopo di studio per padre Mattei, il famoso contrappuntista che dette lezioni a Donizetti dal 1815 al 1817 a Bologna, nel periodo immediatamente precedente la composizione dei primi sei quartetti

richiedi maggiori informazioni


Cod.: TC.790402
Compositore: Donizetti Gaetano (1797-1848)
Esecutori: Quartetto Bernini – Marco Serino and Yoko Ichihara (violins), Gianfranco Borrelli (viola), Valeriano Taddeo (cello)
Edizione: Ottobre 2004