Clicca l'immagine per ingrandire
TC.871803

17.69 €

Ottorino Respighi (1879-1936)
Opera omnia per organo

Del grande compositore bolognese Ottorino Respighi, appartenente alla «generazione dell’Ottanta», con la quale fu protagonista della rinascita strumentale e sinfonica italiana dopo oltre un secolo di ‘sottomissione’ allo strapotere del melodramma, la produzione dedicata all’organo è probabilmente la più sconosciuta e poco considerata. Essa merita invece una particolare attenzione, perchè pur essendo una produzione in quantità minore rispetto al corpus della sua intera opera, lascia scorgere una sicurezza di scrittura musicale che raramente si riscontra in chi non sia oltre che compositore, anche organista praticante. Ammirato da Igor Stravinskij, Alfredo Casella, Georg Gershwin, Giacomo Puccini oltre che da uomini di scienza e di cultura come Augusto Righi, Enrico Fermi, Albert Einstein e Gabriele d’Annunzio (che lo lo chiamò «pura e ferma voce sopra questo confuso mondo di balbettatori», Respighi si ispira in parte al modello Bachiano (la cui ammirazione è senz’altro rafforzata dalla sua amicizia con Ferruccio Busoni), e alla scuola tedesca di Reger, senza mai perdere di vista il recupero dell’antica scuola italiana. Andrea Macinanti allo straordinario organo Serassi-Vegezzi Bossi (1855-1910) della cattedrale di Saluzzo, e in seguito all’altrettanto possente organo Mascioni-Zanin (1951-2011), si fa interprete della musica di Respighi dopo averne curato l’edizione a stampa. L’Academia Symphonica di Udine, formata da giovanissimi musicisti guidati da PierAngelo Pelucchi, corona il cd con l’esecuzione della bellissima Suite per archi e organo.

richiedi maggiori informazioni


Cod.: TC.871803
Compositore: Ottorino Respighi (1879-1936)
Esecutori: Andrea Macinanti, organo
Edizione: Giugno 2017
Testo Musicologico: Andrea Macinanti
Nota: World Premiere Recording · Organo Serassi-Vegezzi Bossi 1855-1910
Organo Mascioni-Zanin 1951-2011
Sostituisce il codice obsoleto TC.871802