Clicca l'immagine per ingrandire
TC.580606

17.69 €

Girolamo Frescobaldi (1583-1643)
Le Canzoni da Sonare, 1628 e 1634

Il titolo esteso (Il primo libro delle canzoni…accomodate per sonare con ogni sorte de stromenti nell’edizione Robletti ; In partitura, il primo libro…per sonare con ogni sorte di stromenti, Masotti e Canzoni da sonare, Vincenti) è, nelle tre diciture, un riferimento esplicito alla pratica interpretativa, propria dell’epoca, che non imponeva alcuno strumento in particolare per la lettura della partitura. Ben inteso gli editori non potevano che rallegrarsi di questa nota rivolta al più gran numero di musicisti, ma ci sono buone ragioni per spingersi un poco oltre la promessa di una più facile diffusione e del conseguente maggior profitto. Il Grassi non aveva mancato d’insistere riguardo alla vasta libertà di scelta strumentale nell’interpretazione delle varie composizioni raccolte in partitura. Al di là dell’opportunità di eseguire alla tastiera le canzoni scritte inizialmente per più strumenti, proponeva anche il cammino inverso, suggerendo una lettura polistrumentale delle toccate (composizioni per tradizione destinate per lo più ad uno strumento a tastiera). Le due introdotte nell’edizione da lui curata portano l’indicazione : per spinettino over liuto, l’una, e per spinettino e violino, l’altra. La scelta della strumentazione si pone dunque come parte integrante dell’interpretazione ; da essa dipende il risalto che alcuni aspetti del discorso musicale assumeranno rispetto ad altri, che resteranno invece solo accennati. Il carattere unico di ogni lettura è così esaltato e la molteplicità nonché la varietà della struttura, rinnovate ad ogni differente ascolto, si rivelano all’uditore attraverso un’evoluzione evidente e continua.

richiedi maggiori informazioni


Cod.: TC.580606
Compositore: Girolamo Frescobaldi (1583-1643)
Esecutori: Ensemble Hypothesis - Leopoldo d’Agostino, flauti diritti · Cinzia Zotti, viola da gamba · Pascal Lefrançois, spinettina, organo · Ugo Nastrucci, tiorba, chitarra, liuto · Leopoldo D'Agostino, direttore
Edizione: Gennaio 2007