Clicca l'immagine per ingrandire
TC.851302

17.69 €

Giuseppe Martucci (1856-1909)
La Musica vocale da Camera

«La Canzone dei ricordi» costituisce, nel suo momento storico, una composizione unica per il genere nel panorama della musica italiana ottocentesca. Stilisticamente non trova confronti se non con qualche lavoro di musicisti d'oltralpe, ma la sua es¬senza lirica, tipicamente nostrana, si eleva con dignità autorevole al di sopra della produzione decadentistica e prolissamente provinciale presente nella musica camera¬le in quello scorcio del nostro XIX secolo. Se la prima lirica per canto e pianoforte, intitolata «Romanza», composta a soli sedici anni, va considerata quale lavoro scolasti¬co, pur tuttavia il recensore del giornale «Napoli musicale» rileva: «l'accompagna¬mento che sorregge è anche informato ad uno stile studiato, ma che armonizza bene con la frase cantabile». Questa romanza, composta a Napoli nel 1872 e dedicata al tenore Fraschini che l'eseguì accompagnato al pianoforte dall'autore nel maggio dell'anno successivo, non venne considerata dal Martucci quale composizione degna di figurare nell'elenco delle sue opere ufficiali. Infatti dalle annotazioni autografe vergate per una lista delle proprie creazioni, l'autore non menziona questo lavoro giovanile. Trascorreranno quindici anni prima che Martucci concretizzi il poemetto per canto e pianoforte «La Canzone dei ricordi». Nella scelta del testo per il nuovo lavoro vocale predomina il vincolo del sentimento d'amicizia che lo unisce all'autore: Rocco Pagliara. Due personaggi sono strettamente legati a quest'opera: l'autore dei versi che era spiritualmente in comunione col musicista e la cantante Alice Barbi alla quale il poemetto lirico è dedicato.

richiedi maggiori informazioni


Cod.: TC.851302
Compositore: Giuseppe Martucci (1856-1909)
Esecutori: Chiarastella Onorati, mezzosoprano · Luisa Prayer, pianoforte
Edizione: 2007
Nota: EDIZIONE INTEGRALE