Clicca l'immagine per ingrandire
TC.630302

17.69 €

Giovanni Paolo Colonna (1637-1695)
L'Assalonne, Oratorio per cinque voci, tromba, archi e continuo

Tra i tredici oratorii di Giovanni Paolo Colonna, oltre la metà lega la propria genesi, o almeno la propria tradizione, alla corte di Francesco II d’Este. Benché nell’Età moderna la sacralità della monarchia fosse fuori discussione, non è tuttavia scontato che un oratorio – al contrario di un’opera, come di solito avviene – fosse offerto al principe per tesserne lodi incondizionate. In numerosi libretti oratoriali il monarca-spettatore (nonché patrocinatore-dedicatario) è anzi posto di fronte alle insidie del suo ruolo, alle colpe dei suoi predecessori, alla rinuncia della libertà personale e alla gravità del suo ministero, sul quale incombono il volere di Dio e il modello del Cristo. Se dunque l’opera è spesso strumento di applauso, l’oratorio è spesso strumento di monito. Quest’ultimo aspetto ha compiuta realizzazione nell’Assalonne, tratto dal Secondo libro di Samuele nell’Antico Testamento biblico: Assalonne s’impossessa del regno d’Israele spodestando il padre Davide; nella battaglia decisiva, nonostante il re legittimo abbia ordinato di trattare con riguardo il figlio ribelle, questi – rimasto sospeso con le lunghe chiome ai rami di un albero, mentre la cavalcatura procede oltre – è trafitto a morte dal generale Ioab; Davide piange il lutto, ma Ioab lo ammonisce: il re non deve mostrare amore per chi lo ha insidiato, né disprezzo per chi lo ha salvato; richiamato ai suoi doveri di monarca, Davide esce sulla porta, e lì il popolo si raduna di nuovo al suo cospetto.

richiedi maggiori informazioni


Cod.: TC.630302
Compositore: Giovanni Paolo Colonna (1637-1695)
Esecutori: Ensemble «Les Nations»
Maria Luisa Baldassari
Edizione: Febbraio 2015
Testo Musicologico: Francesco Lora
Nota: World Premiere Recording
Testi: Giovanni Paolo Colonna (1637-1695)