Clicca l'immagine per ingrandire
TC.672245

17.69 €

Antonio Vivaldi (1678-1741)
Concerti per oboe, archi e continuo

Nell’ambito della vasta produzione vivaldiana, i concerti per oboe, archi e basso continuo offrono ancora più dubbi che certezze. Le prime perplessità sono legate al loro numero: la versione più aggiornata del catalogo elaborato da Ryom ne enumera infatti venti - cui se ne aggiungono altri tre per due oboi, due per violino e oboe, uno per oboe e fagotto e otto «Per molti Istromenti», dove l’oboe fa parte del concertino - ma di questi almeno un paio sono ritenuti spuri. Altri dubbi sono invece riferiti all’epoca della loro composizione e ai relativi destinatari tra i quali, oltre alle fanciulle dell’Ospedale della Pietà, ci sarebbe anche la corte di Sassonia, come lascia credere l’appunto «p[er] Sas[soni]a» che compare sul manoscritto del Concerto RV. 455. Non c’è dubbio sul fatto che Vivaldi sia rimasto subito conquistato dal timbro ricco e pastoso e dalle notevoli possibilità tecniche ed espressive offerte dall’oboe, strumento che si era ormai imposto da tempo nelle orchestre e che, da semplice rinforzo degli archi, si stava ritagliando un ruolo sempre più importante in chiave solistica. I primi concerti per oboe vennero presumibilmente composti poco dopo il 1710, in una Venezia ancora in gran parte monopolizzata dalla produzione proveniente da Oltralpe. Grazie al contributo di Tomaso Albinoni - sua è la prima raccolta di concerti per oboe di autore italiano a ottenere la dignità di stampa, essendo stata pubblicata a Venezia nel 1715 - Vivaldi impose uno stile prettamente italiano, basato su una irrefrenabile vitalità ricca di passaggi virtuosistici nei movimenti veloci e su una distesa cantabilità dai tratti inconfondibilmente teatrali negli Andanti. Un’altra caratteristica prettamente vivaldiana risiede in una scrittura che sembra pensata per il violino, come dimostrano le frasi lunghissime, che obbligano ancora oggi gli interpreti a eseguire passaggi interminabili praticamente in apnea.

richiedi maggiori informazioni


Cod.: TC.672245
Compositore: Antonio Vivaldi (1678-1741)
Esecutori: Paolo Grazia, oboe · Ensemble Respighi · Federico Ferri, direttore
Edizione: Aprile 2006