Clicca l'immagine per ingrandire
TC.672702

17.69 €

Giovanni Bononcini ( 1670-1747)
Divertimenti da camera

I Divertimenti da Camera, pubblicati nel 1722 e dedicati al duca di Rutland, costituirono la prima possibilità per Bononcini di farsi conoscere dalla società colta e influente della capitale; con la destinazione "pel Violino, o Flauto" l'autore intendeva non solo rivolgersi a un numero maggiore di potenziali acquirenti, ma anche farsi conoscere sia al mondo dei professionisti, sia a quello dei dilettanti di musica. Nello stesso anno la raccolta fu ristampata due volte nella versione per cembalo solo senza rilevanti differenze, solo con diverse tonalità e lo scambio del Divertimento VII con l'VIII. Negli anni successivi pubblicò altre sonate da camera, ben sapendo quanto importante fosse seguire il gusto del pubblico non solo nell'attività teatrale. Nei Divertimenti Bononcini dà mostra sempre di un grande senso del cantabile, mentre il basso è spesso trattato nei movimenti lenti come voce dialogante con il flauto. È parso opportuno in questa versione utilizzare strumenti diversi per l'esecuzione del basso continuo , secondo l'andamento della linea del basso, il tipo di concatenazioni armoniche, ma soprattutto secondo il diverso carattere espressivo e affettivo dei movimenti. Per alcuni di questi si è preferito utilizzare il solo clavicembalo, talora insieme con la tiorba, mentre si è sempre cercato di realizzare un'ornamentazione non scritta aderente alla pratica del tempo. Le scarne indicazioni di fraseggio sono state tralasciate quando erano evidentemente suggerite più per un'esecuzione violinistica che per il flauto.

richiedi maggiori informazioni


Cod.: TC.672702
Compositore: Giovanni Bononcini ( 1670-1747)
Esecutori: La Stagione Armonica, su strumenti d’epoca: Sergio Balestracci: Flauto dritto; Guido Balestracci: Viola da gamba; Paola Frezzato: Fagotto; Pietro Perosser: Tiorba e Chitarra; Daniele Roi: Clavicembalo.
Edizione: 1999