Clicca l'immagine per ingrandire
TC.680301

17.69 €

Francesco Bartolomeo Conti (1681-1732)
Cantate con Istromenti

Esiste una testimonianza di J. J Quantz che parla dell’abilità di Conti come esecutore riferendosi ad un episodio accaduto a Praga nel 1723, quando l’orchestra di corte di Vienna eseguì l’opera Costanza e Fortezza di J. J. Fux con l’aggiunta di un gruppo di musicisti di Dresda, fra i quali lo stesso Quantz e Silvius Leopold Weiss, altro grande virtuoso di liuto e tiorba. A quest’ultimo fu assegnata una parte di ripieno, mentre il ruolo di solista fu affidato a Conti. Le otto cantate scritte da Conti,sono conservate presso la Österreichische Nationalbibliothek di Vienna, esse sono articolate secondo la consueta alternanza di recitativi e di arie. Eccezione per la cantata VIII , che conta 5 arie, e per la II, che ne conta 4, ogni cantata è composta da 3 arie e 2 e/o 3 recitativi. Tutte le musiche sono per soprano solo; la cantata VIII è per due soprani nei personaggi di Tirsi e Lidia. Il copista ha attribuito i testi della I e della VIII cantata al cav. Savallia, quello della V al cav. Stella e il testo della cantata VI a S. Stampiglia. Denominatore comune ai testi di tutte le otto cantate è l’ambientazione pastorale - arcadica delle vicende o dei sentimenti amorosi.

richiedi maggiori informazioni


Cod.: TC.680301
Compositore: Francesco Bartolomeo Conti (1681-1732)
Esecutori: soprani: Rossana Bertini(cantata I-III) e Anna Simboli(cantata II-IV) - Ensemble“LA SIGNORIA” con strumenti d’epoca; Violini: Maria Paola Cavallini (cantata II-III-IV), Renata Sfriso(cantata I-III-IV); Chalumeaux e flauto dritto: Ugo Galasso, Chalumeaux: Alessandro Licostini (cantata II-IV); Flauto traversiere: Federico Maria Sardelli(cantata I); Viola da gamba: Bettina Hoffmann (cantata I); Violoncello: Michele Tazzari(cantata II-III-IV); Liuto: Maurizio Pratola; Clavicembalo: Anna Clemente.
Edizione: 2000