Clicca l'immagine per ingrandire
TC.681906

17.69 €

Domenico Scarlatti (1685-1757)
Missa di Madrid, Stabat Mater e Missa «La Stella»

Sebbene celebrità settecentesca e fortuna postuma di Domenico Scarlatti siano esclusivamente legate alle sonate per clavicembalo, il compositore ha lasciato un significativo corpus di composizioni sacre, risalenti, ad eccezione della Messa di Madrid (1754) e del Salve Regina (1756), ai lunghi periodi in cui fu al servizio di prestigiose istituzioni ecclesiastiche; a Roma, presso Santa Maria Maggiore (1707-08) e presso la Cappella Giulia (1714-19), e a Lisbona, presso la Cappella patriarcale (1719-29). I brani, destinati quasi esclusivamente al coro e al basso continuo per l’organo, sono prevalentemente scritti nello stylus antiquus, vale a dire in quel contrappunto imitativo che ancora in pieno Settecento si modellava sulla polifonia cinquecentesca del Palestrina. La Messa “La stella”, risalente al periodo romano in cui Domenico assiste il padre in Santa Maria Maggiore, destinata al coro e al basso continuo, è un’opera giovanile, esemplata sui modelli paterni, ma che già dimostra una notevole maestria nello stile sacro. Nel complesso, anche se mancano gli strumenti e le arie solistiche, prevale uno stile moderatamente polifonico; si succedono infatti “espressive” sezioni accordali e omoritmiche (come il Kyrie iniziale), severe sezioni polifoniche (come nel Christe e nel secondo Kyrie) e più moderne sezioni in cui i solisti dialogano col coro. Lo splendido Stabat Mater in do minore a 10 voci, scritto probabilmente per la Cappella Giulia, fu - come testimoniano le copie manoscritte - una delle sue opere sacre più eseguite. Le dieci voci, sostenute da un sobrio basso continuo, intessono un’imponente costruzione contrappuntistica, che alterna, come nei chiaroscuri di una pittura barocca, squarci ombrosi e malinconici a luminose, improvvise opalescenze; lunari rarefazioni delle voci a drammatici addensamenti, che diventano spesso esclamazioni di dolore, declamati evocativi di arcaiche atmosfere da sacra rappresentazione.

richiedi maggiori informazioni


Cod.: TC.681906
Compositore: Domenico Scarlatti (1685-1757)
Esecutori: Melodi Cantores: Roberta Frameglia, Pamela Lucciarini, Alida Oliva, Patrizia Vaccari, Elena Biscuola, Cristina Calzolari, Miriam Valado Montero, Mauro Collina, Matteo Mezzaro, Gianluca Zoccatelli, Decio Biavati, Carlo Bonarelli, Marcus Koehler · Simone Gheller, organo · Elena Sartori, direttore
Edizione: Aprile 2008