Clicca l'immagine per ingrandire
TC.690202

17.69 €

Francesco Barsanti (1690-1772)
Sonate a flauto solo con cembalo

Francesco Barsanti, nato a Lucca nel 1690, studiò scienze all'università di Padova, decise di dedicarsi alla musica e nel 1714 si recò a Londra con un altro noto musicista lucchese, Francesco Geminiani. Fu attivo come flautista e oboista presso l'opera italiana a Londra e a Bologna brevemente tra 1717 e 1719. Tornò poi nel 1735 in Scozia ad Edimburgo dove sposò una scozzese e fu molto apprezzato; visitò ancora Lucca solo nel 1735. Nel 1743 si trasferì di nuovo a Londra dove suonò la viola al Covent Garden e alla fine morì in gravi ristrettezze nel 1772. Le sue sonate e i suoi concerti grossi sono frutto di una buona preparazione compositiva e comparabili ai lavori analoghi di musicisti come Haendel e preludono con il felice inserimento di oboi, tromba e timpano nel concertino ai Mannheimer soprattutto nell' Opera III, i concerti grossi. Anche le Old Scot Tunes sono un lavoro compsitivo di un certo valore e non solo un superficiale accostamento alle tradizioni musicali scozzesi. Da ricordare anche i Latin Motets, ma tutta la sua opera merita una maggiore attenzione. Il claviorgano utilizzato nella nostra registrazione é la combinazione di due strumenti, un organo e un clavicembalo, ponendo il clavicembalo sopra un’organo, che permette di suonare insieme l’uno e l’altro. Questa pratica virtuosistica é testimoniata dal secolo XVII con dati sulla corte di Caterina de’ Medici sicuramente fino ad Haendel per l’oratorio Israel in Aegypt. La ricchezza timbrica e sonora che consente nell’accompagnare il solista, conferma l’interesse musicologico.

richiedi maggiori informazioni


Cod.: TC.690202
Compositore: Francesco Barsanti (1690-1772)
Esecutori: I Fiori Musicali - Maria Giovanna Fiorentino, flauto dolce · Roberto Loreggian, claviorgano
Edizione: 2004