Clicca l'immagine per ingrandire
TC.561307

17.69 €

MONTEVERDI CLAUDIO (1567-1643)
Lamento d’Arianna e scherzi musicali

Il Lamento d'Arianna, considerato dai contemporanei "la più bella composizione che sia stata fatta a'tempi nostri", è l'unica preziosa gemma che ci resta dell'opera Arianna di Monteverdi, andata perduta. Su testo del fiorentino Ottavio Rinuccini, L'Arianna fu composta in soli due mesi per essere rappresentata a Mantova nel Maggio 1608 in occasione del matrimonio tra il Principe Francesco Gonzaga e Margherita di Savoia. Protagonista fu la cantante e attrice Virginia Ramponi, in arte Florinda, la cui interpretazione mise a tal frutto le sue straordinarie doti espressive da commuovere profondamente il nobile uditorio ed ispirare la lode poetica di Giovan Battista Marino. Nel celebre Lamento pervenutoci attraverso una stampa veneziana del 1623, Arianna, figlia del re di Creta, si ritrova sola su di un'isola, abbandonata da Teseo del quale si era innamorata quando era prigioniero del padre, e che aveva aiutato a fuggire dal labirinto del Minotauro. Nel lungo monologo, Arianna parla idealmente a Teseo che è già lontano, dibattendosi tra l'amore e il rancore dell'abbandono. Monteverdi sfrutta sapientemente le diverse intensità espressive dei vari gradi del modo di re, conferendo ad ogni frase il colore armonico più adatto in osservanza al concetto fondamentale secondo cui "l'oratione sia padrona del armonia e non serva"; come pure l'innalzamento progressivo per toni dell'armonia con effetto di crescente tensione, o l'uso di certi intervalli inconsueti nel canto. Il Lamento d'Arianna, con la sua forma perfetta che alterna declamazione lenta e concitata, con i suoi elementi melodici ricorrenti, è stato modello generatore di decine di lamenti profani e sacri in tutto il seicento. Facendo un salto in avanti di quasi trent'anni, con gli "Scherzi musicali, cioè arie et madrigali in stil recitativo con una ciaccona" stampati a Venezia nel 1632, troviamo un Monteverdi carico di molteplici esperienze sia nel campo dell'opera e dello stile rappresentativo, sia nel madrigale a voce sola e nel duetto.

richiedi maggiori informazioni


Cod.: TC.561307
Compositore: MONTEVERDI CLAUDIO (1567-1643)
Esecutori: soprano :Rosita Frisani, mezzosoprano : Manuela Custer; Ensemble Arte-Musica con strumenti d’epoca - violino : Stefano Barneschi, violoncello : Marco Testori, tiorba e chitarra barocca : Giangiacomo Pinardi; clavicembalo e direzione musicale: Francesco Cera
Edizione: 2000
Nota: violino: Jacques Boquay, Paris 1719; violoncello: J.H.Pillement 1770; tiorba: Juan Carlos Soto, ...